Ingegnere di Roccaraso sgozzato a Napoli

Ingegnere di Roccaraso sgozzato a Napoli

Ingegnere di Roccaraso sgozzato a Napoli

Proseguono le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Napoli, sulla morte di Vittorio Matarazzo, l'ingegnere di 51 anni ucciso ieri sera a coltellate nell'androne del palazzo in cui abitava, in viale Maria Cristina di Savoia, nel quartiere di Chiaia. Poca consistenza ha al momento l'ipotesi della rapina: l'assassino, infatti, avrebbe atteso Materazzo all'ingresso del condominio forse dopo avergli citofonato, pista questa che aprirebbe la strada all'assassino conosciuto dalla vittima. Materrazzo allora tenta la fuga ma viene raggiunto dalla prima coltellata alla schiena, seguita da altri tre fendenti mentre l'ingegnere rantola verso il portone.

Dai cittadini di Roccaraso, ricordano il professionista come una persona cordiale e dedita al suo lavoro e alla sua famiglia. Secondo quanto trapela, Materazzo aveva presentato una denuncia contro ignoti per la morte del padre.

Un unico colpo con un coltello gli ha reciso la carotide.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire le ultime ore di vita del professionista napoletano sgozzato da qualcuno che probabilmente lui conosceva.

La polizia ha convocato in questura familiari, amici e conoscenti della vittima. E' possibile, infine, che ci siano in zona alcune telecamere che potrebbero aver ripreso tutto.