Ex Ccf, Palazzo Chigi chiede soldi truffa e danni per 42 milioni

Ex Ccf, Palazzo Chigi chiede soldi truffa e danni per 42 milioni

Ex Ccf, Palazzo Chigi chiede soldi truffa e danni per 42 milioni

Denis Verdini non era presente in aula.

La Presidenza del Consiglio, al processo sul crac dell'ex Ccf di cui fu presidente Denis Verdini, ha chiesto il risarcimento dei danni per la presunta truffa sui fondi all'editoria pari a circa 42 mln di euro: il conteggio risulta dai quasi 23 mln percepiti tra 2005 e 2009 dai giornali di Verdini, rivalutati con gli interessi a 28 mln, più un risarcimento danni pari al 50% in più di questa somma. La notizia è riportata da Repubblica.

Il senatore di Ala, che ha guidato l'istituto bancario dal 1990 al 2010, è accusato di associazione a delinquere, bancarotta e truffa ai danni dello Stato per i contributi ricevuti dal "Giornale della Toscana" e "Metropoli day".

I pm hanno chiesto undici di carcere per Verdini, nove per Fusi e Bartolomei, sei per Parisi, da cinque a sei anni per i vertici della banca e quattro per altri imputati che, stando all'inchiesta, rivestivano ruoli di minore rilevanza.

Ieri, complessivamente, sono state emesse 33 richieste di condanne. Colpita dai pm, come prevedibile, la 'governance' del Ccf con richieste importanti, fra 5 e 6 anni di reclusione per membri dei cda, revisori dei conti e anche per il direttore generale Piero Italo Biagini (6 anni) indicato come "esecutore" delle direttive impartite da Verdini.

Battute finali per il processo sul fallimento del Credito cooperativo fiorentino.