Genoa, arriva il marocchino Taarabt

Genoa, arriva il marocchino Taarabt

Genoa, arriva il marocchino Taarabt

Coi i piedi dovrà dimostrare di valere il neogenoano Adel Taarabt.

Accompagnato dalla fama di giocatore difficile da gestire, Taarabt dice la sua: "Qualcuno dice che ho talento, qualcun altro che mi manca la testa ma non la penso così". Ho iniziato a giocare a calcio giovane, poi non ho giocato molto e mi arrabbiavo perchè stavo in panchina. È stata dura ma è passata.

A Genova é arrivato solo da pochi giorni, ma si é subito messo a disposizione di Ivan Juric. Ma la realtà attuale dice che il fantasista marocchino sta vivendo un momento completamente diverso. Ora però non è così.

Negli ultimi due anni e mezzo, ovvero da quando Taarabt ha (suo malgrado) lasciato il Milan per tornare a Londra per fine prestito, l'ex rossonero è praticamente scomparso dalla scena: 8 presenze tra Premier League e League Cup con il QPR nel 2014/15, addirittura nessuna nella scorsa stagione e nei primi sei mesi di questa, trascorsi con la maglia del Benfica. Il mister è una persona vera, dice la verità, e mi dice vieni qui, lavora duro e so che se lo ascolto troverò la mia forma. Mi sento già parte del gruppo. "Voglio fare bene qui". "Qui al Genoa si lavora a ritmi altissimi, non mi sono mai allenato così". Mi ha spiegato che sa tutto di me e che mi ha visto giocare tante volte. "Io gioco sia dietro le punte e a sinistra, ma la cosa importante sarà fare gol e assist per la squadra".